Officina Marconi: Diarra Thioune

IMMORTALE

L’agonia si abbattè con furore
sul mio corpo
Avvertii il risuonare di un ricordo svanito
Il dolore uccise la mia immortalità.
Incarcerato dalla legge della vita,
Il mio cuore venne rinchiuso
e in un attimo
spensi la mia umanità.

REMINISCENZA
Foglio inanimato, impostore crudele
assumi le sembianze
di un amore sfuggito.… Leggi tutto
Di Giancarlo 05/03/2018 Off

50 anni di poesia: Vito Moretti al Palazzo della Provincia

Questa sera, 28 febbraio, Vito Moretti ha presentato il suo ultimo libro, “Gli anni venuti” e festeggiato i 50 anni dalla sua prima pubblicazione. Riporto di seguito una recensione da me scritta l’ottobre scorso:

 

LUOGHI, di Vito Moretti, edizioni Tabula fati

Ascolto l’eco del poeta che ci chiama e i morti non sono più morti, i luoghi non sono sterili riproduzioni, ma passi incancellabili nel cammino di una vita che cerca, e trova, una via di senso.… Leggi tutto

Di Giancarlo 28/02/2018 0

Sandro Naglia su «Caos ipermetrico»

 

Sandro Naglia per Caos Ipermetrico, di Giancarlo Giuliani, edizioni Tabula fati

Al limite ignoto del dolore, sotto un sole che brucia le parole, / vivo momenti già scritti, attore di un gioco / sconosciuto”: già dall’incipit del poemetto che dà il titolo a questa raccolta, il lettore è chiamato a confrontarsi con un respiro poetico di ampiezza sinfonica, che sviluppa premesse stilistiche già presenti nelle sillogi precedenti dell’autore, ma che apre anche nuove prospettive nella sua poetica.… Leggi tutto

Di Giancarlo 28/02/2018 Off

NERO al palazzo della Provincia

 

Simposio. Intimo. Semplice. Informale e pieno di contenuti e partecipazione, come da manuale. Come solo i veri simposi sanno essere. Questa la prima espressione che viene in mente per descrivere l’appuntamento dato da Giancarlo Giuliani ai suoi lettori venerdi 16 febbraio scorso alla Sala Figlia di Iorio presso la Provincia di Pescara.… Leggi tutto

Di Eowyn Milis 23/02/2018 Off

Nel mio regno non vi sono filosofi

 

Nel mio regno non vi sono filosofi è il titolo della mia ultima raccolta di versi. Ecco il testo della mia postfazione:

Quando ho scelto come titolo di questa raccolta Nel mio regno non vi sono filosofi, subito mi è balenato alla mente il suo naturale sottotitolo, Diario interiore di una coscienza, riedizione ideale del fin troppo abusato in interiore homine habitat veritas.Leggi tutto

Di Giancarlo 05/02/2018 0

Officina Marconi: Cinzia Venditti

Treno regionale

Sono strane le stazioni. Bizzarre.

Lei ci va spesso, non per viaggiare ma per pensare, che poi è viaggiare in un altro modo. Guarda i treni arrivare e partire, ingoiare e sputare persone, valigie, ricordi, speranze, disinganni, sogni e sacrifici. Guarda. Una madre, che viaggia chilometri per rivedere un figlio che neanche riconosce più, ma che è felice e questo le basta.… Leggi tutto

Di Giancarlo 31/01/2018 Off

UN RACCONTO

IL LIBRO

L’orlo del vulcano. Pausania non aveva osato spingersi più in alto, ma la bocca proprio sotto di lui ardeva del fuoco degli dei. Si guardò intorno: una pendice scoscesa, più in là una distesa di un grigio uniforme, strati di polvere che un vento leggero a tratti agitava, disegnando strane forme.… Leggi tutto

Di Giancarlo 20/01/2018 0

Officina Marconi: Elena Di Domizio

IO SONO ARTE.

 

Io sono arte, Arte è me.

Arte non esiste se non le credo

se non mi abbandono

se non la proteggo

 

Ciò che sento, vivo, tocco è Arte

 

Arte cade da lacrime

urla silenziosa

plasma pensieri

e arde come fuoco d’Inferno

 

Arte è dolce come il richiamo degli angeli

Arte modella la mia essenza

accarezza le mie più lontane paure

 

Urlare al Sole “Io sono Arte!”

sono potente, invincibile, intoccabile

ma pur sempre fragile

 

Arte mi rende preziosa

Io sono più della Gioconda di Leonardo

Io sono più di Psiche persa per Amore

Io sono più di ogni arco del Colosseo

 

Io sono Arte

concreta, astratta

pura, immorale

pallida e colorata

 

Posso sussurrare e urlare

accarezzare e colpire

posso creare e distruggere.… Leggi tutto

Di Giancarlo 11/01/2018 Off

Laboratorio di scrittura al Marconi: due parole

 

Osservo incredulo la palestra che si riempie. A piccoli gruppi, i ragazzi entrano e, come per un tacito accordo, si dispongono a semicerchio, accovacciandosi a terra. Hanno sguardi allegri, si sentono liberi, lo avverto, è nell’aria.

Sorrido. Il primo passo del neonato laboratorio di scrittura, l’Officina Marconi, offre già il vero senso di questa esperienza: nessuna costrizione, libertà assoluta di espressione, niente registri da riempire.… Leggi tutto

Di Giancarlo 30/12/2017 Off