Vai al contenuto

 

Nel mio regno non vi sono filosofi è il titolo della mia ultima raccolta di versi. Ecco il testo della mia postfazione:

Quando ho scelto come titolo di questa raccolta Nel mio regno non vi sono filosofi, subito mi è balenato alla mente il suo naturale sottotitolo, Diario interiore di una coscienza, riedizione ideale del fin troppo abusato in interiore homine habitat veritas.Leggi tutto

Treno regionale

Sono strane le stazioni. Bizzarre.

Lei ci va spesso, non per viaggiare ma per pensare, che poi è viaggiare in un altro modo. Guarda i treni arrivare e partire, ingoiare e sputare persone, valigie, ricordi, speranze, disinganni, sogni e sacrifici. Guarda. Una madre, che viaggia chilometri per rivedere un figlio che neanche riconosce più, ma che è felice e questo le basta.… Leggi tutto

IL LIBRO

L’orlo del vulcano. Pausania non aveva osato spingersi più in alto, ma la bocca proprio sotto di lui ardeva del fuoco degli dei. Si guardò intorno: una pendice scoscesa, più in là una distesa di un grigio uniforme, strati di polvere che un vento leggero a tratti agitava, disegnando strane forme.… Leggi tutto

IO SONO ARTE.

 

Io sono arte, Arte è me.

Arte non esiste se non le credo

se non mi abbandono

se non la proteggo

 

Ciò che sento, vivo, tocco è Arte

 

Arte cade da lacrime

urla silenziosa

plasma pensieri

e arde come fuoco d’Inferno

 

Arte è dolce come il richiamo degli angeli

Arte modella la mia essenza

accarezza le mie più lontane paure

 

Urlare al Sole “Io sono Arte!”

sono potente, invincibile, intoccabile

ma pur sempre fragile

 

Arte mi rende preziosa

Io sono più della Gioconda di Leonardo

Io sono più di Psiche persa per Amore

Io sono più di ogni arco del Colosseo

 

Io sono Arte

concreta, astratta

pura, immorale

pallida e colorata

 

Posso sussurrare e urlare

accarezzare e colpire

posso creare e distruggere.… Leggi tutto

 

Osservo incredulo la palestra che si riempie. A piccoli gruppi, i ragazzi entrano e, come per un tacito accordo, si dispongono a semicerchio, accovacciandosi a terra. Hanno sguardi allegri, si sentono liberi, lo avverto, è nell’aria.

Sorrido. Il primo passo del neonato laboratorio di scrittura, l’Officina Marconi, offre già il vero senso di questa esperienza: nessuna costrizione, libertà assoluta di espressione, niente registri da riempire.… Leggi tutto

Maria Elena Cialente, “L’altro e l’assente”, note sul fantastico nel Novecento italiano, Tabula fati

Secondo l’Autrice, appare improprio tentare una classificazione del “fantastico”, tanto sfumati e multiformi ne appaiono i confini. Certo è che, nelle forme più varie, esso ha attraversato la letteratura di tutti i tempi e  di tutti i paesi.… Leggi tutto

Ulisse ed Enea nel mondo dei morti

Nell’epica la morte è il convitato di pietra per eccellenza e gli eroi ne sono ben consapevoli, se solo pensiamo alla sconsolata affermazione di Ettore nel VI libro dell’Iliade: “io dico che nessun uomo, una volta che è nato / può evitare la moira, sia egli vile o valoroso”.… Leggi tutto

Derrick De Kerkhove, Brainframes, Bologna, 1993 (immagine in evidenza tratta da Wikimedia Commons)

 

  1. L’oggetto-libro

Un agile volumetto in brossura, di meno di 200 pagine, di dimensione tascabile. Copertina dal design accattivante, corpo tipografico chiaro e ben spaziato. Suddivisione in paragrafi fatta in modo tale da facilitare la lettura e la comprensione del testo.Leggi tutto

Mastino da Fontevrault

(1198-1264 circa)

Figlio cadetto di un ricco feudatario, esercitò l’arte della guerra, distinguendosi in numerose battaglie. Colpito dall’improvviso lutto di una donna assai amata, decise di deporre le armi e cercare la via del Signore. Monaco nell’abbazia di Fontevrault, ne divenne anni dopo abate e dedicò tutta la sua vita a Dio e agli studi.… Leggi tutto

INCONTRO AL TRABOCCO

Aveva trovato una roccia particolarmente comoda. Anche se avrebbe comunque preferito un asciugamano per stendersi, il contatto con quella superficie dura non le dispiaceva. Fece un respiro profondo, riempendo lentamente la cassa toracica con l’aria di mare e gettò lo sguardo sulla città: tra il cielo e le onde le creazioni dell’uomo rendevano vivo il litorale.… Leggi tutto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

“Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.”

Chiudi