Vai al contenuto

IL LABIRINTO

IL LABIRINTO

Il titolo di questo intervento suggerisce una situazione di difficoltà e di mancanza di certezze. Ciò che spaventerebbe in una situazione normale, è invece quanto di meglio si possa desiderare per un viaggio nel mondo della poesia. È un labirinto dal quale non si desidera uscire, sempre foriero di sorprese, incontri che allontanano ogni senso di chiusura e, paradossalmente, regalano un senso di grande libertà.

Il viaggio di chi scrive è arbitrario, ovviamente, ma suggerisce la via perché chi ascolta possa sentirsi compagno di percorso, magari cogliere qualcuna delle suggestioni proposte, scoprire qualche segno di comune appartenenza o di comune aspirazione.

È come ricostruire, ritrovandole e rivivendone le emozioni, le mille tessere che hanno costruito la propria personalità, il proprio modo di essere nel mondo. Non è un semplice viaggio nella memoria, è, ogni volta, vivere un’emozione nuova, apparentemente simile alla precedente, ma in realtà diversa, arricchita delle sfumature, delle gioie e dei dolori, delle passioni e delle malinconie che costituiscono la nostra esistenza.

Ricordo che, sdegnando, come un adolescente desideroso di vivere in fretta, i testi propostimi dagli insegnanti, trascorrevo molto tempo in libreria, attratto irresistibilmente dalla poesia, non da romanzi o testi tecnici o illustrati. Quelle parole messe in ordine insolito mi parlavano, prendevano vita, mi spingevano verso sentieri sconosciuti.

Ricordo che mi colpì un titolo, La terra desolata”, ben in sintonia con le profonde malinconie che a tratti attraversano la vita di un adolescente. Un inizio impegnativo, ne sono ben consapevole. Ma è ciò che accadde. Fui irrimediabilmente attratto dal fatto stesso che molti versi mi erano difficili da intendere, compresi che l’autore chiamava il lettore a un viaggio arduo, in cui il rischio maggiore era quello di scoprire di se stesso qualcosa che magari non si sarebbe voluto conoscere.

Alcuni versi, però, mi colpirono in particolare:

Sedetti sulla riva
A pescare, con la pianura arida dietro di me
Riuscirò alla fine a porre ordine nelle mie terre?
Il London Bridge sta cadendo sta cadendo sta cadendo
Poi s’ascose nel foco che gli affina
Quando fiam uti chelidon –
O rondine rondine Le Prince d’Aquitaine à la tour abolie
Con questi frammenti ho puntellato le mie rovine
Bene allora v’accomodo io. Hieronymo è pazzo di nuovo.
Datta. Dayadhvam. Damyata.
Shantih shantih shantih

Quanto c’era da scoprire! Che c’entrava quella rondine?E chi era Hyeronimo? E quelle parole in francese? E quelle espressioni in sanscrito? Già nei versi precedenti questo epilogo, è presente un riferimento a un passo delle Upanishad (il termine, sanscrito, significa “sedere presso” e indica la posizione assunta dai discepoli intorno al maestro).  Un tuono echeggia sulla Terra senza portare la pioggia; la natura e gli uomini della terra desolata sono in attesa. Ecco che il tuono parla e la pioggia incomincia a cadere: ciò che dice il tuono sono tre identiche sillabe, iniziali di altrettante parole: DATTA, DAYADHVAM, DAMYATA che  significano "date, compatite, frenatevi ".

Ecco ora il passo a cui Eliot fa riferimento : "Quando ebbero finito il noviziato chiesero i deva: Dicci una parola, o Signore. Allora egli disse la sillaba da ed aggiunse: avete compreso? Abbiamo compreso, risposero, tu dici "frenatevi" (dayata damyata).
È così, avete compreso. Allora gli uomini chiesero: Dicci una parola, o Signore. Ed egli disse la medesima sillaba da ed aggiunse: avete compreso? Abbiamo compreso, risposero, tu dici "date" (datta).
È così, avete compreso. Chiesero allora gli asurah: Dicci una parola, o Signore, ed egli disse la medesima sillaba da ed aggiunse: avete compreso? Abbiamo compreso, risposero, tu ci dici "compatite" (dayadhvam). È' così, avete compreso. Questa stessa cosa ripeté nel tuono la voce divina: da da da."

Le parole del tuono indicano una direzione da seguire, la direzione esatta: ora la Ruota, ovvero l'immaginario timone di una altrettanto immaginaria barca, risponde senza fatica ai comandi di chi la governa. Le ultime tre parole dell'opera, shantih shantih shantih sono le parole di chiusura di un rito di upanishad. Il significato, ovviamente in modo approssimativo, può essere reso con "pace, pace, pace".

Qualcosa però suonava familiare:  “Quando fiam uti chelidon”[5] e “poi s’ascose nel foco che li affina”. Occorreva partire da lì. E il viaggio negli immensi mondi della poesia cominciò così. Dimenticati i testi letti a scuola. So adesso che li avrei ben presto riscoperti, ma allora c’era il senso di libertà dato dalla scelta, confusa, disorganizzata, ma mia, unica, un segreto tra me e quelle pagine.

Dunque, questo “foco che affina...”. Scoprii ben presto che era il XXVI canto del Purgatorio, e che il personaggio era Arnaut Daniel, cantore provenzale, definito il “miglior fabbro”.

Ma questa espressione era nell’esergo, dedicato a Ezra Pound! Dovevo trovare qualcosa di Pound. Fui spaventato dalla mole, ma decisi che l’avrei fatto, assolutamente, prima o poi. Cominciava ad attrarmi il tipo di composizione a incastro tra citazione e creazione, tra antico e nuovo, un filo rosso che reggeva ogni cosa. Un’enciclopedia mi disse alcune cose su Pound, ma lasciai ben presto quel tipo di ricerca. Dovevo leggere dei versi, farli miei. Ma quali scegliere?  Decisi che non occorreva un criterio, cominciai a sfogliare le pagine di un grosso tomo, leggevo un verso qui, una pagina là, aspettavo il momento in cui qualcosa mi avrebbe detto che era il momento di fermarsi. Ecco, ci siamo, pensai a un tratto:

Nessuno mai osò scrivere questo,
ma io so come le anime dei grandi
talvolta dimorano in noi,
e in esse fusi non siamo che
il riflesso di queste anime.
Così son Dante per un po' e sono
un certo Francois Villon, ladro poeta
o sono chi per santità nominare
farebbe blasfemo il mio nome;
un attimo e la fiamma muore.
Come nel centro nostro ardesse una sfera
trasparente oro fuso, il nostro "Io"
e in questa qualche forma s'infonde:
Cristo o Giovanni o il Fiorentino;
e poi che ogni forma imposta
radia il chiaro della sfera,
noi cessiamo dall'essere allora
e i maestri delle nostre anime perdurano.

(Histrion)

La strada era segnata. Quella sera scrissi i miei primi piccoli versi. Ma Eliot mi chiamava, mi incuriosiva il rapporto con Dante e mi chiedevo quale fosse la ragione della fascinazione del poeta per la cultura orientale.

Ma ebbi paura della complessità, mi spingeva a un atto razionale, io volevo essere pura emozione. Così, ecco, come in una lunga linea, frammenti comporsi nella mente, costruire forse un itinerario:

oh, le stelle attorno alla bella luna! (Saffo)

il tacito, infinito andar del tempo (Leopardi)

Io non so ben ridir com’io v’entrai (Dante)

Venti anni ancora non ho e ho in odio il vivere (Mimnermo)

Le donne, i cavalier, l’arme, gli amori/ le cortesie, l’audaci imprese io canto (Ariosto)

Confusione. Sì, confusione, ma parole vive nella mente, immagini che si formavano e svanivano per poi riapparire in altre forme. Dante nella selva, il poeta di corte che inizia il suo canto, lo stupore della fanciulla di fronte al cielo stellato, il senso di eterno di un verso stupefacente, l’assoluta malinconia e infelicità di un giovinetto, quella tristezza infinita che a volte appartiene solo all’adolescenza.

Seppi quel giorno che la poesia avrebbe accompagnato la mia vita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

“Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.”

Chiudi