Vai al contenuto

LE PARANZE

Fiaccole che sembrano lucciole,
occhi brillanti nella notte di luna
distesa su un letto di acque tranquille.

Appena il sussurro di onde lontane
in un moto continuo, eterno e l’attesa del viaggio
si affaccia sul sogno, mentre sfuma e scompare.

Barche sparse sotto lanterne bianche,
vite nascoste in conchiglie vuote,
promesse che paiono appese a rami
da flebili fili di seta lucente.

Leggi tutto

Mi ricordo.

Al bagliore di un sole di seconda classe, io mi ricordo.

Alla morte non si addice che il fuoco fatuo del neon.

O spereresti che una puttana possa ambire a tanto?

Chanel numero cinque mascara blu

cola come un rigagnolo

giù giù, sulla guancia, sotto il mento

Le lacrime della processione di Pasqua

di Nostro Signore Marilyn Manson.… Leggi tutto

SANTA MARIA DI FARFA

 

Sono stanco di quest'acqua torbida,

del silenzio ossessivo degli uccelli,

mentre la luna vaga tra disfatti

sobborghi e dai ciechi palazzi forte

giunge il grido lamentoso del vento.

 

(Giancarlo Giuliani - Notte di Natale 2009, nel buio davanti alla propria casa inagibile)Leggi tutto

Cu busele strânse

Reînnoim prima întâlnire
și salutăm acum noaptea
ca atunci când ieșim în vântoase
șă descoperim melodîîle
liniștii. Cu busele strânse
aștept o privire,
izvorând lumina
ce va deschide porțile
acestei bolnave indiferențe.

A labbra serrate

Rinnoviamo il primo incontro
e salutiamo ancora la notte
come quando uscimmo nel vento
e scoprimmo l’incanto
del silenzio.

Leggi tutto

 

1.

Scusa per il freddo, di solito mangio solo.

Sediamo su sgabelli triangolari,
violentiamo la sera
in una birreria irlandese.

Sul palco
una rana dal pelo ramato spiega la metempsicosi.

Facciamo due passi sul viale ciottoloso

- la nebbia ci sputa e la neve ci bastona -

parliamo di tutto e di te.

Leggi tutto

IO SONO ARTE.

 

Io sono arte, Arte è me.

Arte non esiste se non le credo

se non mi abbandono

se non la proteggo

 

Ciò che sento, vivo, tocco è Arte

 

Arte cade da lacrime

urla silenziosa

plasma pensieri

e arde come fuoco d’Inferno

 

Arte è dolce come il richiamo degli angeli

Arte modella la mia essenza

accarezza le mie più lontane paure

 

Urlare al Sole “Io sono Arte!”

sono potente, invincibile, intoccabile

ma pur sempre fragile

 

Arte mi rende preziosa

Io sono più della Gioconda di Leonardo

Io sono più di Psiche persa per Amore

Io sono più di ogni arco del Colosseo

 

Io sono Arte

concreta, astratta

pura, immorale

pallida e colorata

 

Posso sussurrare e urlare

accarezzare e colpire

posso creare e distruggere.… Leggi tutto

Nick Cave

 

l'ultimo ricordo di san pietroburgo è fatale

la nevskij prospekt fatta di soppiatto

con la paura che finisse davvero

nelle rotatorie penose delle vie famigliari

e di impulso, camminando

come i pazzoidi di dostoevskij

il riscatto stava nella linea di spas na krovi

la linea morbida e sfarzosa

della mia redenzione

modellata in parole adulte e grevi

fino al locale che tenne aperte le porte

del mio spirito animale

sfogato in una lingua tra il russo e l'inglese

e poi l'italiano torrenziale

perché ero orgogliosamente vivo

e forte come uno zar

ma avevo da scontare la più grande pena

me stesso

 

me stesso ha toccato ogni indole

cavando le pietre da ogni pozzo

per tenere aperte le ferite

per avere nuove cicatrici

 

due anni dopo non mi vergognavo di piangere

in un minuscolo locale

che non rendeva giustizia a tali canzoni

una quarantenne eccentrica mi parlava volentieri

ma balenò al mio amico di andare a san pietroburgo

per sfida e tentazione

così prendemmo il bus ubriachi

perché la mia redenzione s'era solo assopita

e arrivammo davvero

ci sentivamo matti euforici e lontani

ma c'era un posto distorto

le macchine sfrecciavano col rosso

le persone imprecavano urlando

un pendolare correva angosciosamente dietro un tram

che andava lento e non voleva saperne nulla

le ragazze carine ci guardavano male

volevamo fingerci felici

ma avevo paura di spas na krovi

di cosa potevano tenere in serbo per me

i tasselli dei gelidi sguardi dei cristi

sarei rimasto volentieri a parlare

con quella quarantenne stramba

che si comportava come una ragazza

e aveva rubato delle maglie di nick cave da giovane per me

sarebbero state mio motivo di vanto ribelle

non l'ho fatto

soffoco in falsi miti

ancora con gli euro in tasca

con un amico nemmeno stretto

questo è il mio sangue versato

 

Francesco Torlontano, 12 febbraio 2017Leggi tutto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

“Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.”

Chiudi