P.O.N. Marconi – Esercizi di scrittura – Caviardage

Con oscure parole

riveliamo la nostra morte

quotidiana

La via è descritta da tempo

Percorriamo elementi in agguato

cerchiamo il luogo

in cui forse in noi resta

la percezione

 

(Nicole Trento)

 

E dunque con oscure parole

riveliamo la nostra morte

quotidiana, l’inutile enumerazione

il corpo che brucia, ferisce, distrugge

Invano cerchiamo il luogo

in cui il ciclo si compie, forse

esso è in noi, sintesi

perfetta di materiale e immateriale-

 

(Susanna Papirii)

 

Abolizione dell’orizzonte

temporale, l’immagine

svela il senso di ogni contraddizione

e dunque riveliamo la nostra morte,

al corpo che brucia, ferisce, distrugge

immersi, ora sì, nell’inutile

silenzio.… Leggi tutto

Di Giancarlo 09/12/2019 0

P.O.N. Marconi: esercizi collettivi – Caviardage

La via è descritta da tempo,

non possiamo muoverci,

l’immaginazione

smarrisce la natura.

Se ogni cosa è avvolta da un buio ostile

alla vita, come potremo spiegare

le maree, stupirci

alle fasi della luna, inchinarci

all’eterno ritorno degli astri?

(Alessia De Felice)

 

Con oscure parole

riveliamo la nostra morte

quotidiana, l’inutile enumerazione,

il corpo che brucia, ferisce, distrugge.… Leggi tutto

Di Giancarlo 06/12/2019 0

Corsi al Marconi: «Potenzia-menti» 1.

Alle 14,30, oggi, 31 ottobre, è iniziato il corso “Potenzia-menti”. Si riporta di seguito il contenuto del primo incontro:

Osso di ishango – Ipotesi sul significato delle incisioni sull’osso –

Hyeronimus Bosch, Ascesa all’empireo, XVI secoloIn Dante, la scena rappresenterebbe il passaggio all’Empireo. Bosch vede il luogo della transizione come un elemento regolare, un immenso cilindro.Leggi tutto

Di Giancarlo 31/10/2019 0

Poesia filosofica o pensiero poetante: una falsa questione?

POESIA FILOSOFICA O PENSIERO POETANTE: UNA FALSA QUESTIONE.

 

Il fatto stesso che esistano due denominazioni distinte per riferirsi alla poesia e alla filosofia sembrerebbe implicarne la separazione netta, se non, addirittura, l’irriducibilità reciproca, dovuta ai presupposti, al destinatario e allo specifico di filosofia e poesia.

Le cose non stanno così fin dagli albori della storia più antica.… Leggi tutto

Di Giancarlo 23/07/2019 0

Alice Di Sabatino su “La peste”

“La peste” di Albert Camus

Un’ “astrazione”. Ècosì che Bernard Rieux, medico della città francese di Orano, definisce inizialmente il flagello che con lentezza si insinua tra le sue mura. Nella sua cronaca dei fatti che si susseguono durante l’epidemia di peste, egli descrive, tentando di mantenersi distaccato, oltre alle conseguenze fisiche che essa comporta, soprattutto come le anime dei suoi concittadini vengano corrotte e quasi sgretolate dalla malattia.… Leggi tutto

Di Giancarlo 03/05/2019 0